Vaso in ceramica a cono con ghirlanda oro

SKU: V280/40/NEWC3
Magazzino: Ordinabile
€317.00
QNT:

La forma a campana dalle linee pulite contrasta con la decorazione lussureggiante.

Per questo vaso a campana, Ahura ha scelto una forma spiccatamente contemporanea; le linee pulite e sobrie si aprono come il calice di un fiore e la loro essenzialità esalta i motivi in oro zecchino 24 carati. Moderno ma allo stesso tempo classico, si adatta ad ogni contesto, attirando su di sè la luce e riflettendola tutt’attorno.

Musica di festa

Una larga imboccatura si restringe dolcemente verso il basso, ricordando nella forma la campana di una tromba. Questo strumento a fiato ha origini antichissime, tanto da essere raffigurato nei templi egizi. Nei secoli, ha sempre mantenuto una funzione ufficiale, venendo suonata per dichiarare guerra, per annunciare comunicazioni importanti e per introdurre festività solenni. Ad oggi, rimane la sua accezione positiva, ossia come squillante annuncio di festa, associato anche al rullo dei tamburi. La mente corre agli antichi tornei medievali, fatti di cavalieri impavidi e nobili dame. Armature luccicanti sotto il sole, colorati stendardi, popolo a festa: e sopra il gran vociare, lo squillo delle trombe che annunciano il campione. Queste occasioni sono così suggestive anche per noi, oggi, che vediamo nascere sempre più numerosi gruppi di rievocazioni storiche, che riportano in vita la gloria di un tempo magico, in cui era possibile incontrare maghi, folletti e draghi. Gli araldi erano ben lungi dall’essere di rango modesto, anzi, erano nobili o venivano ammessi in questa cerchia dopo la loro nomina. Pur ricoprendo il ruolo di messi, erano intoccabili e potevano muoversi liberamente senza restrizioni; a loro spettava consegnare comunicati importanti, come anche seguire le sorti delle battaglie. Loro compito era compilare i registri della nobiltà, di cui conoscevano tutte le insegne.

All that jazz

La tromba non è solo un ricordo di tempi lontani: è diventata, più di recente, simbolo di un particolare genere musicale, il jazz. Nato dagli schiavi delle piantagioni di cotone, si sviluppa all’inizio del XX secolo a New Orleans, crogiolo di razze dove la cultura creola si incrocia con il voodoo. Il jazz è pura improvvisazione, virtuosismo unito al sentimento e all’espressività. La tromba nel jazz ha avuto un interprete indimenticabile in Louis Armstrong, che della musica e delle sue origini disse “Ogni volta che chiudo gli occhi per soffiare nella mia tromba, guardo nel cuore della buona vecchia New Orleans.” Fu grazie a “Satchmo” che la tromba divenne lo strumento di primo piano nel jazz. Il suo suono dalle infinite sfumature, acuto ma anche profondo, vivace o tristissimo, è inconfondibile; e sulle note di “When the Saints Go Marching In” possiamo immaginare una jazz band che accompagna un corteo funebre nella vecchia e magica New Orleans.

Il corno dell’abbondanza

Della stessa famiglia della tromba è il corno, che nell’antichità era ricavato dalle corna di animali come mucche o tori. Nella mitologia è famoso il cosiddetto ”corno dell’abbondanza” o Cornucopia, non uno strumento musicale ma oggetto quasi magico da cui scaturiva ogni ben di dio. Viene rappresentato come un corno dalle notevoli dimensioni, dalla cui estremità più larga escono frutta e fiori, spesso anche monete d’oro. È simbolo di abbondanza e prosperità, che scaturiscono quasi spontaneamente da un contenitore che sembra troppo piccolo per contenere le primizie che offre. Ecco, accade quindi che un semplice vaso mostra un significato più profondo, diventando un oggetto mitico da cui sgorga musica come anche opulenza.

Prezioso come l’oro

La tromba si illumina di riflessi dorati, sotto le luci del palco, ingannando l’occhio dello spettatore. La cornucopia benedice i più fortunati con una pioggia di monete d’oro. L’oro zecchino è protagonista di questo vaso Campana, impreziosito dalle decorazioni in finissimo metallo a 24 carati ispirate all’arte neoclassica. Foglie di acanto, ghirlande e festoni percorrono l’ampiezza del vaso in onde sinuose. Fasce piene e uniformi danno stabilità e concretezza a una decorazione che altrimenti parrebbe poter volare via, tanto è leggera e delicata. Dedicato a chi preferisce forme più moderne e funzionali ma non vuole rinunciare all’eleganza più classica, questo vaso è un pezzo originale e finissimo.




Potrebbe piacerti anche: